Cronache di antifascismo modenese – Sulla giornata di sabato 14 gennaio

Sabato 14 Gennaio, in concomitanza con l’apertura a Modena della sede neofascista “terra dei padri”, decine di militanti dello spazio sociale Libera e dell’Unione Sindacale Italiana si sono mobilitati, partecipando al corteo antifascista cittadino e con un volantinaggio massificato nei quartieri adiacenti alla sede neofascista.

Modena è sempre stata e rimane tuttora una città attraversata e vissuta senza timori da noi, che troviamo nell’antifascismo militante, nell’antiautoritarismo, nella solidarietà e nel mutuo appoggio una pratica quotidiana e consolidata.
Non ci faremo intimidire dalla crescente presenza dei neofascisti (anche fuori sede) nella nostra città, rafforzeremo la nostra attività libertaria e autogestionaria nelle strade, nei quartieri, nei luoghi di lavoro, in tutti gli ambiti del sociale finché non resterà nessuno spiraglio alle ideologie fasciste, razziste e sessiste che questi circoli nella loro becera ideologia vogliono portare avanti.

La nostra mobilitazione di sabato 14 non è nata dal nulla: si tratta di un percorso iniziato un anno fa con volantinaggi, presidi, pubblicazione di materiale antifascista, collaborazione attiva con altre realtà attive su questi temi.
Non ci fermeremo qui e rilanceremo la nostra lotta finché i fascisti non smetteranno di ripresentarsi nella nostra città.
Spazio Sociale Libera-USI/AIT Sezione di Modena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spazio Anarchico Libera - Libera Officina