All posts by Libera

Solidarietà ad Atlantide

La Libera Officina di Modena, lo Spazio Sociale Libera e l’USI Modena esprimono la massima solidarietà e vicinanza al collettivo di Atlantide che ha subito uno sgombero infame deciso dallo stesso PD che ha sgomberato nel 2008 Libera. Stesse logiche di controllo sociale stessa guerra all’autogestione.
L’esperienza umana, sociale e autogestionaria di Atlantide deve continuare e continuerà ovunque.
Noi ci sentiamo complici.

È uscito il nuovo numero della Locomotiva!

Da questo numero, il 9, abbiamo deciso di adottare un nuovo formato, più piccolo e comodo, senza nulla togliere ai contenuti. Cambia infatti la forma ma non la sostanza, e all’interno della Locomotiva potrai trovare articoli di cronaca, la “Bandiera degli Sfruttati” dedicata all’USI Modena, riflessioni sull’immigrazione e sulle questioni di genere (temi che abbiamo affrontato negli ultimi mesi alla Libera Officina), e tanto altro.

Puoi trovare la Locomotiva alla Libera Officina, oppure puoi leggerla in formato pdf cliccando sull’immagine qui sotto.
locomotiva9-1

OGNI IMMIGRATO È NOSTRO FRATELLO, OGNI IMMIGRATA È NOSTRA SORELLA

In tutta Europa le istituzioni e i media cercano di presentare i nuovi flussi migratori come una emergenza e parlano di invasione, come se i migranti che arrivano in Europa sui barconi o attraversando i balcani fossero un esercito ostile da cui dobbiamo difenderci, come se si trattasse di una situazione improvvisa e imprevista.

SAPPIAMO CHE NON È COSÌ.

I migranti sono sempre povera gente, oppressi e sfruttati che fuggono da situazioni di guerra e povertà estrema, e una volta arrivati diventano clandestini, per legge senza diritti e ancora più ricattabili e sfruttabili.
Ogni migrante ha un volto, un nome, una famiglia, una storia.

NOI VOGLIAMO GARANTIRGLI LA POSSIBILITÀ DI COSTRUIRSI UN FUTURO.

Non solo è giusto che riescano a sfuggire da guerre, fame ed oppressione: una volta arrivati devono godere degli stessi diritti che qui con le lotte abbiamo conquistato.
Noi siamo solidali con i migranti perché vogliamo trattarli come meritavano di essere trattati i nostri antenati che emigravano.

I PROBLEMI, I DIRITTI, LE LOTTE DEI MIGRANTI SONO ANCHE I NOSTRI.

Siamo internazionalisti e non accetteremo di farci mettere l’uno contro l’altro, di combattere una guerra tra poveri mentre i potenti continuano
ad arricchirsi sulla nostra pelle.
Laddove le istituzioni non vogliono arrivare arriveremo noi, per garantire ai nostri fratelli e sorelle ACCOGLIENZA, DIGNITÀ E SOLIDARIETÀ.
Alla Libera Officina verrà inaugurata una mostra di approfondimento sul tema dell’immigrazione, contro il razzismo istituzionale e a sostegno dei diritti degli oppressi e sfruttati di tutto il mondo.
Continueremo ad incontrarci coi migranti e ad organizzare dibattiti e manifestazioni a Modena e ovunque.

QUANTI E QUANTE DEVONO ANCORA MORIRE?

Siamo internazionalisti e la nostra patria è il mondo intero.

Affermiamo che ogni essere umano ha il diritto di fuggire dalla fame e dalla guerra. Noi che siamo solidali e autogestionari abbiamo il compito di ospitare, proteggere e garantire libertà e dignità ad ogni individuo.
Povertà e guerra sono alimentati e creati dagli Stati e dal Capitale per avere sempre manodopera a basso prezzo, per saccheggiare le materie prime e per garantirsi il controllo dei territori.
Per rimuovere le cause di tutto ciò dobbiamo combattere strenuamente Stati e Capitale in ogni luogo.

Di fronte all’immane tragedia di persone che muoiono, che vivono anni in lager, di donne stuprate, di persone fatte schiave, la risposta è l’accoglienza.

Come società avremmo la ricchezza perché tutti possano mangiare ed avere una vita dignitosa, come società contro lo Stato.

Accoglienza e redistribuzione sono elementi essenziali che dobbiamo rivendicare. I soldi spesi in armamenti dobbiamo riuscire a dirottarli in spese di accoglienza. Nessuno lascerebbe la “propria terra”, rischiando la morte, se non costretto da fame, guerra e povertà estrema.

Il saccheggio e la conquista di interi continenti hanno creato dittature e distrutto qualsiasi possibilità di produzione autonoma.

Questa è una guerra dichiarata all’umanità, guerra interna tra ricchi e poveri e guerra mondiale per il controllo delle materie prime.

Siamo tutti fratelli e sorelle e tutti abbiamo diritto di vivere.
Siamo indignati e arrabbiati e conosciamo la strada: la rivoluzione sociale.

10 Ottobre: Hellkrusher + altri – Autogestione contro lo stato, autoproduzione contro la mercificazione

(A)utogestione contro lo stato / (A)utoproduzione contro la mercificazione
101015
A distanza di più di 20 anni torna in Italia uno dei gruppi più massacranti e rappresentativi della scena metal-punk inglese spalleggiati dalle nostre primizie locali. Questo grazie a una connessione indipendente che vede i punx modenesi e romani, giovani e meno giovani, costantemente in prima linea per combattere la mercificazione di questo movimento sempre più moribondo, falso e fatto di clientelismi fittizzi. Gli Hellkrusher avevano espressamente richiesto che nell’organizzazione non fosse coinvolta nessuna etichetta e nessuna booking agency e così è stato, perchè se vuoi…puoi!
Questo sta a dimostrare che non tutte le band che suonano da più di 20 anni hanno venduto il culo per i soldi e tantomeno che chi ha contatti con posti, persone o bands ci debba per forza mangiare sopra ogni volta.
C’è ancora chi le cose le fa piacevolmente e soprattutto con passione. KEEP IT REAL HOMIES!!!
101% DO IT YOURSELF CONSPIRACY
PUNX ROMA / PUNX MODENA

Sabato 10 Ottobre

HELLKRUSHER (UK) Metal Punk since 1989
CANCER SPREADING (Modena) Stenchcore bastards
STASIS (Modena/Bologna) Raw crust w/ female voice
ANGÖSSA (Verona) brand new band Hardcore

Spazio Anarchico Libera - Libera Officina