Category Archives: Comunicati

Libere persone in una libera società

Persone. È Questo di cui stiamo parlando, persone. Riteniamo sia grave il fatto che persone vengano discriminate, o ancora peggio, fatte oggetto di violenze verbali o fisiche solo per la propria identità sessuale. Una società non inclusiva che per timore e miseria intellettuale discrimina, reprime e minaccia chi reputa “diverso” non ci rappresenta.
Fulvidi esempi di questa società malata sono partiti come forza nuova che associano la pedofilia all’omosessualità, oppure come il sedicente “circolo culturale” terra dei padri promotore dell’ osservatorio anti-gender per Modena e l’Emilia Romagna. Circolo che, ancora una volta, fa da fulcro regionale per alimentare la paura verso ciò che non è standardizzato al bianco italico nazionalista eterosessuale (alla faccia del pensiero unico…).

Per questo sabato 22 settembre indiciamo un’assemblea pubblica contro l’omotransfobia, le discriminazioni di genere e l’osservatorio anti-gender presso la biblioteca UnideA, dalle ore16 in via Ganaceto 96, Modena centro.

Per una libertà senza paure! – Manifestazione delle e dei migranti

Il 7 luglio in piazza Dante (stazione) è partito il corteo in sostegno ai migranti nella loro lotta per i diritti e la dignità.
Contro l’apertura del nuovo centro regionale di permanenza per il rimpatrio (CPR), contro il ricatto dell’accoglienza, per il permesso di soggiorno!
I/Le compagni/e di Libera erano presente in solidarietà.
Coordinamento migranti

Solidarietà alle antifasciste ed agli antifascisti che a Carpi stanno subendo un grave ed infame attacco repressivo!

Solidarietà completa e concreta alle antifasciste ed agli antifascisti che a Carpi stanno subendo un grave ed infame attacco repressivo!
Di seguito riportiamo il comunicato di Carpi Antifascista:

CARPI: GRAVISSIMO ATTACCO REPRESSIVO ALL’ANTIFASCISMO

In questi ultimi giorni sono stati consegnati ben 26 decreti penali di condanna ad antifasciste/i carpigiane/i riguardanti i fatti del 4 agosto scorso: quel giorno Forza Nuova inscenò a Carpi un presidio intimidatorio davanti ad una palazzina che di lì a poco avrebbe ospitato alcuni migranti.
Chi quella sera decise, spontaneamente e coraggiosamente, di recarsi sul posto per rifiutare la presenza di FN si trovò ad affrontare le cariche della polizia e addirittura le minacce e le aggressioni degli impavidi camerati italici.
Infatti i neofascisti (una quarantina in tutto e provenienti da tutto il norditalia) si distinsero quella sera per ripetute aggressioni ai carpigiani che li contestavano (più di 60 persone arrivate alla spicciolata sul lato opposto della strada, tutte disarmate ed a volto scoperto).
Durante queste aggressioni, portate avanti con aste e cinture, i forzanovisti ferirono anche un poliziotto che si frapponeva tra i due schieramenti.

Oggi soltanto due di loro si vedono condannati per quelle aggressioni, mentre dall’altra parte ben 26 antifascisti/e si trovano accusati/e della semplice presenza sul posto, come se essere parte attiva della vita politica in città fosse un reato, come se ci fosse qualcosa di male nel rifiutare la presenza di un corpo estraneo a questa vita politica cittadina, quei neofascisti radunatisi a Carpi per propagandare odio, xenofobia ed intolleranza.

Altro fatto gravissimo è che questo processo, portato avanti dal g.i.p. a porte chiuse, senza alcun dibattimento e senza nemmeno avvisare gli imputati, pone sullo stesso foglio i membri di entrambi gli schieramenti: gli antifascisti e le antifasciste, con l’accusa di esser presenti in città, e i due neofascisti aggressori.
Essere nello stesso procedimento significa che tutti gli imputati possono vedere nomi e residenze degli altri imputati, ed ora i neofascisti dispongono dei dati personali delle persone che hanno aggredito.
Riteniamo inoltre inaccettabile porre per l’ennesima volta sullo stesso piano antifascisti/e e neofascisti. Lo abbiamo detto più volte e lo ribadiamo con forza: il fascismo non è un’opinione, IL FASCISMO É UN CRIMINE. Come antifascisti/e non condividiamo nessuna condanna e nessun processo con chi è già stato condannato dalla storia.

L’intento intimidatorio dell’apparato repressivo è grave ed evidente: a Carpi chi condivide e porta avanti i valori dell’antifascismo può subire minacce, aggressioni, manganellate ed infine processi.
Abbiamo però cattive notizie per neofascisti e repressori: la città ha già iniziato a stringersi attorno ai 26 imputati, l’opposizione a questo scandaloso processo è già partita, le ruote della solidarietà stanno già girando.

QUESTO PROCESSO NON FERMERÀ L’ANTIFASCISMO CARPIGIANO, CHE ANZI NELLE PROSSIME SETTIMANE RILANCERÀ MOLTE NUOVE INIZIATIVE!
Soltanto i neofascisti si troveranno isolati in questa vicenda, esattamente come sono stati isolati dalla città di Carpi e dalla Storia.

L’ANTIFASCISMO NON SI PROCESSA!

Carpi Antifascista

I FOGLI DI VIA NON FERMERANNO L’ANTIFASCISMO!

È notizia di questi giorni la notifica di alcuni fogli di via da Modena a persone riconosciute arbitrariamente lo scorso 15 dicembre in largo Porta Bologna, in occasione della manifestazione antifascista che si opponeva al presidio “no ius soli” poco distante, organizzato da tutte le sigle dell’estrema destra modenese.
Quella sera, in un ritrovo autorizzato e gremito di gente, le forze dell’ordine si schierarono in maniera massiccia, chiudendo ogni accesso alla piazza della contromanifestazione, intimando a chi passava di esibire i documenti ed impedendo l’accesso al furgone che trasportava l’impianto audio.
Dopo ore di accerchiamento ravvicinato, i reparti antisommossa caricarono violentemente la manifestazione, disperdendola nelle strade laterali e di fatto consentirono ai neofascisti di propagandare indisturbati i loro deliri xenofobi.

Oltre a due compagni fermati quella sera e rilasciati il mattino seguente con in mano il foglio di via da Modena assistiamo ora, a distanza di ben quattro mesi, all’arrivo di altre misure restrittive a persone nemmeno identificate quella sera. Il foglio di via è uno strumento repressivo particolarmente arbitrario ed odioso, che sempre più sindaci, prefetti e questori utilizzano al posto di “regolari” processi per allontanare con effetto immediato persone sgradite dalle città (in particolare dai centri storici) e per colpire militanti dei movimenti di lotta, mettendoli/e di fatto nell’impossibilità di fare politica in certe città.
A queste misure repressive, il collettivo anarchico Libera e la sezione modenese dell’Unione Sindacale Italiana si oppongono e si opporranno con forza.

Invitiamo chiunque sia stato/a colpito/a dalla repressione in merito a questa o ad altre mobilitazioni antifasciste a mettersi in contatto con noi, troverà nel nostro collettivo la piena solidarietà ed un appoggio concreto per lottare contro queste odiose restrizioni.
Complici e solidali!
L’antifascismo non si processa e non si ferma con un pezzo di carta!

Spazio sociale anarchico Libera
Usi-Ait sez. Modena

Voti a perdere

Noi, anarchici ed anarchiche, anarcosindacalisti ed anarcosindacaliste dello spazio sociale Libera, lo scorso 4 marzo abbiamo, come sempre, disertato le urne. Insieme a noi, oltre 12 milioni di cittadini con diritto di voto stavolta non hanno votato: si sono rifiutati di partecipare al rito della scelta dei loro padroni, nonostante il menù delle liste, da destra a sinistra, fosse ricco.

Chi sguazza nel gioco della politica istituzionale cerca di far passare il rifiuto del voto come un semplice disinteresse, che quindi deve essere delegittimato e corretto. In realtà, mettere una X su una scheda rappresenta un impegno davvero minimo: significa di fatto delegare ogni aspetto della propria vita ai professionisti della politica, regalando loro la legittimità per continuare a farlo.

Riteniamo ridicolo che partiti come la Lega (che ha preso meno di 6 milioni di voti su 45 505 000 aventi diritto) pretendano di rappresentare il popolo italiano.

Riteniamo inoltre che la delegittimazione del potere possa essere un passo importante, e reputiamo quindi la crescita dell’astensionismo come un valore positivo.

Sappiamo però che, per costruire una società autogestita, questo non basta: oltre a rifiutare i meccanismi e gli strumenti del potere, occorre attivarsi quotidianamente nei movimenti di lotta dal basso, per creare fin da ora una società auto-organizzata, in aperto contrasto a Stati e capitalismo.

La democrazia diretta o partecipata non ha nulla a che vedere con liste, candidati o eletti.

Solo la lotta può sconfiggere lo sfruttamento, il capitale ed il fascismo, il voto invece li alimenta.

Viva l’anarchia!

Spazio sociale libertario/anarchico LiberA, Via del Tirassegno 7, Modena

Spazio Anarchico Libera - Libera Officina