Corteo e Giornata di Mobilitazione, Modna Par Tòt!

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 10/11/2018
14:00 - 20:00

Luogo
Piazza Torre, Modena centro

Categorie


Sabato 10 Novembre 2018
Giornata di mobilitazione
Contro l’Omotransfobia
Contro la violenza sulle Donne
Contro Razzismo e fascismo
Sarà una giornata Comunicativa e Gioiosa.
Presidio in Piazza Torre.
Corteo, ritrovo ore 14:30.
Modna par Tót è un movimento nascente, creato grazie alla volontà di persone che vogliono combattere e dire basta alle violenze e discriminazioni su basi di genere, sessuali e razziali che sono da sempre presenti in questa società, ma che in questo particolare periodo storico stanno riprendendo piede in maniera prepotente.
Siamo individualità, associazioni e gruppi uniti da questo grande desiderio di vedere un’apertura verso chi viene considerata/o meno di un oggetto e che si trova in balia di soprusi e violenze di ogni tipo, dalle offese verbali fino all’assassinio. Noi vogliamo combattere e gridare forte la nostra rabbia verso tutto ciò, verso una società che tollera, supporta e minimizza perché abituata all’odio da una classe politica capace di alimentare questo clima distribuendo specchietti per le allodole, diffondendo paura, sospetto e separazione. Camminiamo tutti sulla stessa terra, non ci sono confini se non quelli imposti, il nostro sangue ha lo stesso colore senza badare a nazionalità, al genere a cui apparteniamo o a chi decidiamo di amare. Siamo persone, esseri senzienti che provano dolore e gioia e che necessitano di sentirsi parte di qualcosa. Queste semplici caratteristiche dovrebbero bastare a farci rendere conto che tra di noi non ci sono poi così tante differenze. Questa nostra prima manifestazione vuole portare solidarietà e conoscenza per le strade della nostra città, vuol far sapere a chi è oppressa/o che non è sola/o ma che siamo dalla loro parte. Vuole anche fare sapere a chi fomenta l’odio, la violenza, la sopraffazione, l’ignoranza e la separazione che noi siamo in tante/i e che siamo pronte/i ad opporci per cambiare le cose.
Desideriamo che da oggi il nostro cammino contro l’omotransfobia, le discriminazioni di genere, il razzismo e questo nuovo/vecchio fascismo non si limiti a questo momento di piazza, ma che prosegua ogni giorno nella nostra quotidianità perché il rifiuto e l’opposizione ai soprusi ha inizio nelle nostre case, da noi, dai piccoli gesti che uniti a quelli di tutte e tutti acquisiscono una forza inarrestabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spazio Anarchico Libera - Libera Officina