Ricordo dell’eccidio del 1920

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 07/04/2018
16:00 - 20:00

Luogo
Piazza Grande - Modena

Categorie


“7 aprile 1920-7 aprile 2018”
Piazza Grande ore 17, Ricordo dell’Eccidio.
Comizio, banchetto, fiori e canti con Bonvicini e Benozzo.
Date Fiori ai Ribelli Caduti.

Venerdì 6 Aprile a Libera ore 21 
Presentazione del Congresso Internazionale Anarcosindacalista Maggio 2018 Parma. 

Sabato 7 Aprile a Libera ore 22 Notte Reggae Concerti e Dj.

Iniziative per il 14° ricordo dell’Eccidio del 1920
Iniziammo nel 2005 a ricordare e a ricostruire gli accadimenti che portarono all’Eccidio di Piazza Grande del 1920.
Quest’anno sarà il quattordicesimo anno che continuativamente teniamo vivo il legame con quella storia quando l’USI a Modena aveva migliaia di attivisti.
Per noi il 7 aprile 1920, ed il furto delle mitragliatrici che ne seguì rappresentarono l’inizio dell’antifascismo antiautoritario in questa provincia, che continuò con gli Arditi del Popolo.
Anche le condizioni del lavoro in quegli anni erano segnate dalla precarietà e dalla povertà, fenomeno a cui stiamo assistendo anche oggi.
I compagni e le compagne di allora trovarono nella solidarietà e nel mutuo appoggio una forte risposta a quelle condizioni e solo il regime fascista finanziato dagli industriali e dagli agrari riuscì a piegarli.
Quella del 7 aprile 1920 è la nostra storia e non lasceremo ad altri il compito di ricordarla snaturandola dal valore rivoluzionario e sociale che esprimeva.
Anche quest’anno quindi invitiamo tutti i lavoratori e le lavoratrici, i disoccupati, i precari, i ribelli, gli ultimi, a partecipare a tutte le iniziative che stiamo organizzando.
Il 7 aprile 1920, in Piazza Grande, i carabinieri spararono sulla folla, 2 giorni prima l’avevano fatto nella bassa bolognese, durante un pacifico comizio della camera sindacale USI. 
L’abbiamo imparato nel ’68, con la strategia della tensione e l’uccisione di Giuseppi Pinelli, nel ’77 con Cossiga ministro dell’interno, che quando gli sfruttati si organizzano e percorrono il cammino dell’emancipazione dallo Stato e dal Capitale il Potere spara sulla folla o provoca stragi.
Ricordare il 7 aprile non è solo ricordare i morti, i feriti, la paura, non è solo parlare del primo antifascismo ma è anche rivendicare un percorso di lotte che i nostri compagni e compagne stavano percorrendo.
Il 7 aprile è anche la rivendicazione del nostro antimilitarismo.
Inoltre continueremo a rivendicare la restituzione della nostra sede storica distrutta dai fascisti nel 1923.
Il Primo Maggio l’USI dichiarerà come l’anno scorso lo Sciopero Generale e vi invita a partecipare a tutte le iniziative e lotte che organizzeremo.
Diamo fiori ai ribelli caduti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spazio Anarchico Libera - Libera Officina